Il primo caldo vi sfianca? Avete passato l'inverno a starnutire? Volete arrivare forti e rigenerati al ritorno delle vacanze? Bene, quello che fa per voi è la dieta alcalina.

Non ne avete mai sentito parlare? No non ha a che fare con le batterie.

La dieta alcalina si basa su un consumo libero, senza limiti e quantità, di quegli alimenti considerati “alcalinizzanti”.

Qui la faccenda si fa difficile. Secondo il fondatore Robert O. Young, “la dieta si basa sulla convinzione che l'equilibrio del nostro corpo deve rimanere leggermente alcalino, quindi i cibi e le bevande che consumiamo devono riflettere questo pH. I composti che contengono calcio, ferro, magnesio, zinco, rame, sono i principali componenti delle ceneri, essendo incombustibili”. Per Young il “catabolismo” brucia gli alimenti in maniera simile, quindi classifica i cibi come alcalini, acidi o neutri a seconda del pH creato dalla soluzione in acqua delle loro ceneri.

Ora la domanda sarà: “quindi che devo mangiare?”

Facile! In percentuale il 20% di alimenti acidificanti: pane integrale, pasta di grano saraceno o ai cereali, riso venere.

Bisogna assolutamente limitare il consumo di carne e latticini, perché eccessivamente acidificanti. Male che vada potreste affiancare alimenti acidi con alimenti alcalinizzanti. Per esempio tra i latticini scegliete prodotti caprini, per le proprietà anti micotiche. Alla carne preferite il pesce. E poi tante, tantissime, un bastimento di verdure, meglio se crude: cipolle, zucchine, sedano, pomodori, peperoni, topinambur e tutto quello che vi viene in mente.

Ora la domanda è: “ma a che cosa mi serve?”

La dieta secondo i suoi sostenitori renderebbe l'individuo più forte all'attacco dei batteri e virus. In più la presunta riduzione di batteri nel tratto intestinale dovuta all'alimentazione alcalina garantirebbe una maggiore efficienza energetica.

Attenzione però! Per mancanza di prove cliniche o scientifiche a supporto la dieta non è proposta o raccomandata dai nutrizionisti. Certo è che il consumo di frutta e verdura non ha mai fatto male a nessuno.

Volete qualche ricetta? O cercate una buona pasta di grano saraceno? Basta cliccare su Ufoody!